Capitolo III

Sulla maniera di rispondere al Soggetto


§.1
Le note che compongono il soggetto e la sua risposta, appartenenti alle ottave della tonica e del dominante, è consuetudine, quando si vuole sapere con quali note la seconda voce deve rispondere al primo, usare i seguenti mezzi.
Le ottave di queste due corde sono poste l'una di fronte all'altra; per esempio, in Do maggiore, come segue:
ut    re    mi    fa \sol    La    Si    ut    Ottava della tonica
Sol    La    si    ut    re    mi    fa\sol    Ottava della dominante

Da ciò segue che la nota di Sol deve rispondere a quella di ut; il re al la, e così agli altri.

Se questa tabella potrebbe essere applicata a tutti i possibili casi, potrebbe essere presentata in cifre come segue:
1    2    3    4-5    6    7    8    Ottava della tonica
5    6    7    8    2    3    4-5    Ottava della dominante
E da questa tabella, che quindi si riferisce a entrambe le modalità contemporaneamente,
queste tre regole generali:
1) Che il secondo e il sesto si rispondano a vicenda.
2.) Che il Terzo e il Settimo si rispondano.
3) Che la Quarte e la Quinta rispondono alla Tonica e viceversa,
che la Tonica risponde alla Quarta ed alla Quinta.

Ma capita abbastanza spesso che al posto del Secondo, usiamo il Terzo
rispondere alla Sesta e rispondere dalla seconda alla quinta, e così via.
Sarà quindi necessario farlo in un altro modo per essere sicuri della sua natura; e poiché la risposta può essere spesso in più di un modo, è necessario sapere quale di queste due risposte è la migliore.

§.2
La risposta è una imitazione del soggetto, deve essere a tutti gli effetti simile ad esso. Perché non è sufficiente che il canto assomigli alla figura delle note, per quanto riguarda la modalità o la misura; è ancora necessario, e principalmente, che gli stessi intervalli che sono stati al soggetto siano stati trovati nella risposta, vale a dire, nello stesso luogo in cui il soggetto procede dal Terzo, dal Quarto o dal Quinto, ecc., la risposta proceda dagli stessi intervalli.
§.3
Ma dal momento che troviamo solo quattro note dalla tonica alla dominante discendendo (diatessaron), ce n'è una in più che discende da esso per completare l’ottava (diapente), come si può vedere dalla seguente dimostrazione:

                                OTTAVA DISCENDENTE.
Prima parte                                                             Seconda parte
Ut, si, la sol                                                            Sol, fa, mi, re, ut

                                OTTAVA ASCENDENTE.
Prima parte                                                             Seconda parte
ut, re, mi, fa, sol.                                                         Sol, la, si, ut.

E 'tanto non rompere le regole di buona modulazione melodica, per pareggiare il numero di intervalli nelle due parti.,
È necessaria in alcuni casi, si sarebbe potuto alterare il canto della risposta.

§.4
Vale la pena ricordare qui che qualsiasi nota che inizia il soggetto o che rimane nel tono finale, o ne esce per entrare in quello del
dominante.

PRIMA OSSERVAZIONE.
Nel primo caso, se il soggetto rimane nel tono della finale, deve essere trasposto, nota per nota, nel tono del dominante, purché iniziamo con la nota che è necessaria.

SECONDA OSSERVAZIONE.
Nel secondo caso, se il soggetto finisce per andare nel tono della dominante, è assolutamente necessario, non introdurre nella fuga, una modulazione estranea al tono della fuga, cambiando un intervallo, e, in questo modo, ritorniamo al tono della finale; e per non sbagliare sull'intervallo che deve essere cambiato per un altro, ecco una regola, che uno dovrebbe piuttosto prestare attenzione a ciò che segue rispetto a quanto sopra. Per la permutazione dell'intervallo, si fa in due modi;
1) Tralasciando un grado. Questo è fatto nella parte maggior dell'Ottava (diapente).
2) Ripetendo una nota nello stesso grado. Questo è fatto nella parte minore dell'Ottava (diatessaron).

È per mezzo di questa permutazione, che a volte è anche praticata nel primo caso, che l'Unisone cambia in Secondo, la Seconda in Terza, la Terza in Quarta, la Quarta in Quinta, la Quinta in Sesta, la Sesta in settima, la settimo in Ottava e così anche viceversa.

§.5
Aggiungi a queste osservazioni generali le regole speciali relative alla prima e all'ultima nota della risposta.

PRIMA REGOLA.
È necessario che la tonica risponda alla dominante, e viceversa sulla prima e l'ultima nota del tema.
Vale a dire che, quando il soggetto inizia o finisce con la tonica, la risposta deve iniziare o finire con la dominante; e quando il soggetto inizia o finisce con la dominante, la risposta deve iniziare o terminare con la tonica.

Ciò che viene detto qui della prima e dell'ultima nota del soggetto, deve essere esteso anche a metà del soggetto, quando saltiamo dalla tonica alla dominante, o dalla dominante alla tonica; a condizione che non ci impediscano altri motivi per seguire la regola a rigore.

Ora vedremo ciò che resta da dire sui due toni di che iniziano e terminano, per l'ordinario, il soggetto di una fuga.

SECONDA REGOLA.
Quando la fuga inizia o termina con la mediana, la risposta deve iniziare o terminare con il Terzo o il Secondo della dominante.

TERZA REGOLA.
Quando la fuga inizia o termina con il quarto tono, la risposta deve iniziare o terminare con la tonica.

QUARTA REGOLA.
Quando la fuga inizia o finisce con la sesta del Tono, la risposta deve: iniziare o finire con la sesta o la quinta della dominante.

QUINTA REGOLA.
Quando la fuga inizia o termina con la seconda del tono, la risposta deve iniziare o terminare con la seconda della dominante o con la stessa dominante.

SESTA REGOLA
Quando la fuga inizia o finisce con la nota sensibile del tono, la risposta deve iniziare o finire con la sesta o la nota sensibile del dominante, secondo le circostanze.
§.6
Al fine di comprendere meglio le regole precedenti, e le eccezioni che possono subire a volte, ecco alcuni esempi:

I.
Esempi di fughe che iniziano come finiscono e restano nel tono.
Tab. X. Fig. 1. Soggetto trasposto nota per nota, secondo la prima e la seconda regola del §.5, per quanto riguarda l'inizio e la fine, e in        seguito alla prima osservazione di §.4, con rispetto modulazione.

Fig.2. Come nell'esempio precedente.

Fig.3. Come il precedente, tranne per il fatto che la fuga termina con la tonica e la risposta dalla dominante.

Fig.4 e 5. Come l’anteriore.

                           
tav.X.png
 
Tab. XI. Fig. 1. La Quinta che è tra la terza e la quarta nota del soggetto, cambia nella risposta in Quarta, secondo l'osservazione che                      accompagna la prima regola del §.5. Questo cambio di intervallo produce un altro nella seconda misura, dove la Terza                     (ut - la) diventa Secondo (fa - mi) secondo quanto ho detto in §. 3 e 4 della permutazione degli intervalli, causata dalla   metà disuguale dell'Ottava.

Fig. 2. Come nell'esempio precedente, con questa differenza, che la Seconda si trasforma in Terza.

Fig. 3. Si noti qui la ripetizione di una nota nello stesso grado.

Fig. 4. Esempio di nota trasposta per nota.

Fig. 5. Un altro dello stesso tipo.
                                   
tav.XI.png
Tab. XII. Fig. 1 e 2. Questo salto dalla tonica alla dominante era proibito tra gli antichi, in quanto non annunciava abbastanza la fuga.

Fig. 3. Oltre al cambio di Quinte in Quarte e Seconde in Terze, osserviamo qui la permutazione di un croma in semiminima;               permutazione sempre permessa rispetto alla prima nota, quando l'armonia vince.

Fig. 4. Trasposizione perfetta del soggetto.

Fig. 5. Come in fig. 3, ritoccando gli intervalli.

Fig. 6. Sono i primi tre gradi che soffrono un po come conseguenza delle precedenti regole e osservazioni.

Fig. 7. La semiminima con cui la Fuga inizia, è cambiata in ottava nella risposta.

tav.XII.png
II.
Esempi di temi che iniziano con la dominante e mantengono la modulazione del finale.

Tab.XIII. Fig. 1. La tonica risponde alla dominante seguendo la 1a regola. Con una trasgressione di grado, la Seconda diventa Terza, per ottenere il tono del dominante.

Fig. 2. Come sopra.

Fig. 3. Notare il passaggio da Terza a Seconda.

Fig. 4. Qui, tra la seconda nota del tema e la seconda della risposta, abbiamo un MI contro al Fa, ciò che gli antichi chiamano Diabolus in musica. Questa relazione è qui scusabile e non può nemmeno essere evitata, a meno che                                    non si desideri ripetere la prima nota della risposta; ma rovinerebbe la melodia e la farebbe degenerare in fanfara.

Fig. 5. Come in fig.3. La parte minore dell'Ottava richiede questo tipo di modifiche.

Fig. 6. Seconda cambiata in Terza per passare al tono della dominante.

Fig. 7. Qui è stato fatto Il cambiamento della seconda nota, il resto viene trascritto nota per nota.
 
tav.XIII.png
III.
Esempi di soggetti che passano al tono dominante.

Tab. XIV. Fig. 1. Mentre il canto del soggetto modula nel tono della finale, la risposta rimane nel tono della                                                    dominante. Ma non appena l'altro si trasforma in dominante, cambia la modulazione per tornare al tono della Fuga.

Fig. 2. Come nell'esempio precedente.

Fig. 3. Dopo aver attraversato l'Ottava del dominante, la risposta deve, conformemente con la regola, cambiare l’Ut in Sol e il Sol in Ut e non più il Sol in Re. Tuttavia questa licenza non lascia di ottenere un effetto piuttosto positivo, grazie alla ripetizione del passaggio finale.

Fig. 4. Sappiamo che il finale e la dominante sono le corde, nelle quali devono essere fatte le prime ripercussioni . Ecco il contrario per quanto riguarda il dominante, che è costretta a cedere il suo posto alla Quarta; questa è una licenza fondata su uno dei modelli antichi ; perché, secondo le regole del tono minore, bisogna fare la risposta come si trova nella stessa figura. dopo la parola “ou”.

Fig. 5. È tra la terza nota del soggetto e la stessa della risposta, un Mi contro Fa, relazione consentita in tutte queste                     occasioni. Si può inoltre notare il cambiamento di figura della nota iniziale.
                                          
tav.XIV.png
IV.
Esempi dei soggetti che cominciano  con la Terza

Tab. XV.   Fig. 1. Soggetto trasposto nota per nota nel tono del dominante.

Fig. 2. La parte superiore contiene il soggetto che cambia al tono della dominante.
La parte inferiore contiene la risposta che porta il canto nel tono della finale.
Mi sembra che sarebbe stato meglio iniziare la risposta dalla seconda della dominante, ponendo:
Si- mi- la \ re-mifa # -sol si la sol \fa# mi re
al posto di
Ut#-fa#-si\mi-mifa#-sol si la sol \fa# mi re
Questa risposta è più naturale, e siccome le prime quattro note con cui inizia il soggetto, rendono incerto il tono della Fuga, si farebbe meglio a girare la medaglia, prendendo quest'ultima risposta, che inizia con Si, per soggetto e il soggetto per la risposta.

Fig. 3. La Terza della dominante risponde alla mediana sulla prima nota. Il soggetto passa al dominante. La risposta riporta la Fuga nel tono.

Fig. 4. Contro la regola: che la tonica e la dominante devono rispondersi sull’ultima nota, si vede qui un'eccezione giustificabile             per l'armonia e altre circostanze. Secondo la regola, era necessario organizzare la risposta nel modo seguente:
Mi-ut | re-sol-fa \ mi-ut ut-re mi \ fa

Fig. 5. Per non perdersi nella modulazione di La minore,  estraneo al tono, la risposta cambia intervalli, e quindi riguadagna il tono del finale.

Fig. 6. Una grande quantità di alterazione nel canto della risposta, per passare più comodamente nel tono; anche se                      si potrebbe anche rispondere nel modo seguente: Si-la-sol-re-fa#-sol \ sol-re-mi-fa-mi-re-ut-si.

Fig. 7. È la seconda di dominante che risponde qui alla mediante della tonica, per non a guastare il canto.

Fig. 8. Come l'esempio precedente per quanto riguarda l'inizio.

Fig. 9. Nel posto del Secondo, con cui rispondiamo alla mediante, sarebbe stato meglio, secondo il canto fondamentale che troviamo in fig. 10, risposta con la terza, nel modo seguente: Fa-fa-sol-fa-mi-re \ sol-sol-sol-fa#-sol .

Fig. 11. Non è la Terza di dominante, pur in tono minore, ma la sensibile del tono che risponde alla mediante, che                          si può praticare in un piccolo tema di questo tipo.

Fig. 12. Buona risposta fatta dalla Seconda della Dominante, anche se potrebbe essere stato fatto anche dalla Terza                     Do#, questo esempio è solo un'inversione del precedente.

Fig. 13. Con il passaggio da una quarta alla terza, la risposta interrompe la progressione del brano per tornare a Re minore.

Fig. 14. Il soggetto finisce sulla seconda del tono. La risposta imita il suo canto nota dopo nota.
                                         
tav.XV.png
V.
Esempi di fughe che cominciano  con la Quarta del tono

tab. XVI fig. 1, 2 e 3. Il soggetto viene sempre imitato regolarmente da un'estremità all'altra.
  

VI.
Esempi di fughe che cominciano  con la Sesta del tono

tab. XVI fig. 4, 5, 6, 7, 8 e 9. In questi esempi, la sesta della Dominante risponde sempre alla sesta della Tonica.
Eccone invece uno, in fig. 2, scheda. XVII, dove possiamo rispondere con la Quinte a questa Sesta. Tab. XVII, fig. 2; Ma è necessario iniziare in modo diverso, prendendo il soggetto per la risposta, e la risposta per il soggetto,   che, in questo caso e in molti altri, è indifferente.
 
                                                                                                                                    
tav.XVI.png

VII.

Esempi di fughe che iniziano con il secondo tono.

Tab. XVII. Fig. 1. La risposta è fatta dalla seconda della dominante.

Fig. 2. Come sopra.

Fig. 3. La risposta può essere fatta sia dalla Seconda della Dominante, oppure dallo stesso Dominante.

Fig. 4. Come nelle fig. 1 e 2, per quanto riguarda l'inizio.

Fig. 5. Come prima. Al posto del soggetto dove si cambia un tono, viene anche modificata la risposta dalla mutazione di un intervallo.

Fig. 6. La risposta può essere fatta in due modi: dalla dominante o dal secondo grado della dominante.

Fig. 7. Per non rovinare il canto, la risposta deve essere dalla dominante, come qui.

Fig. 8. È nella seconda della dominante che inizia la risposta.
tav.XVII.png
VIII.
Esempi di fughe che iniziano con la settima.
Tab.XVIII Fig. 1. Risposta fatta dalla sensibile

Fig. 2. Soggetto replicato dalla sesta della dominante, in relazione alla continuazione del canto.

Fig. 3.
Come nell'esempio precedente.

Fig. 4. Risposta fatta dalla sensibile della dominante. Per riguadagnare il tono del finale, cambia una seconda in terza.

Fig. 5. Il tema non cambia tono, la risposta, imitandolo, rimane sempre nella area della dominante.

Fig. 6. Risposta fatta con sesta della dominante.

Fig. 7. Come precedentemente in relazione con la nota iniziale.
                     tav.XVIII.png
                       
IX.
Esempi di fughe che finiscono

a) Alla seconda del tono. Tab. XV. Fig. 14.

Tab. XXVIII. Fig. 5 e 6. Entrambe le risposte sono buone.


Fig. 7.
b) Mediante il tono del tono. Tab. X. FIG. 1 e 2.

Tab. XXVIII. Fig. 9. La voce in basso contiene il soggetto, e quello in alto la risposta, che finisce per la Seconda della dominante
c) Con la Quarta Tab. XXVII. Fig. 7.
d) con la Sesta. Tab. XXVIII. Fig. 8.


Fig. 9. La voce dall'alto contiene il soggetto e quello dal basso il rispondere.
Ecco un esempio in cui la risposta termina con la Quinte del dominante.
Soggetto: ut \ mi-ut \ si -la.
Risposta: Sol \ la-fa \ mi-re.
e) Con la nota Sensibile del tono. Tab. XXVIII. Fig. 10.


Fig. 11.
f) Dalla settima minore in tono minore. Tab. XXVIII. Fig. 12. Entrambe le risposte sono buone.
g) Con la sensibile della dominante.
1.    Soggetto:    ut-si-la-sol-\fa#   
Risposta:    sol-mi-re-ut-\si


2.    Soggetto:    ut-mi ut-la-sol\fa#
Risposta:    sol-la fa-re-ut \si
           XXVII.png                  
XXVIII.png
                                   
Articolo II
Sulle fughe cromatiche.
§. 1.
Esistono tre tipi di progressione melodica, diatonica, cromatica ed enarmonica
La progressione è diatonica, quando si conforma alla naturale successione dei cinque toni e ai due semitoni, che costituiscono l'ottava di un tonico.
Cromatico, quando procede solo in semitoni.
Enarmonico, quando, sullo stesso suono, rappresentato da due gradi diversi, si passa da un tono all'altro; per esempio
ut-re-(mib-re#)-mi-si.

§. 2.
La progressione cromatica non ha luogo solo nei toni minori, ma anche nei toni maggiori.
Se i soggetti, composti su un brano diatonico, si riferiscono solo al tono del finale o quello del dominante, gli oggetti cromatici al contrario eseguono diversi toni in successione.

§. 3.
Per regolare correttamente la risposta di un soggetto cromatico, basta cambiarlo in un soggetto diatonico, rimuovendo i diesis, bemolli e bequadri. Vedere, ad esempio, i seguenti soggetti seguenti in La minore:
La | ut-ut# -re-re# \ mi.

Quando sottraiamo l’ut# e il re#, come semitoni estranei al tono di La minore, abbiamo questa canto fondamentale in progressione diatonica:
La \ut-re \mi. Dunque, la replica può essere mi \fa-sol \la.

Ora ponete il soggetto e la risposta l'uno all'altro, come:
soggetto: La \ ut-re \ mi.
risposta: mi \ fa - sol \ la.

Poiché il primo semitono del soggetto cromatico è sul grado della nota ut, e il seconda su quello del re, è necessario imitare questi due semitoni sugli stessi gradi che rappresentano questo ut e re nella risposta. Questi. i gradi sono quello di Fa e quello di Sol: di conseguenza, la risposta sarà presentata rispetto al soggetto, nel modo seguente:
soggetto: La \ut-ut# -re -re# \mi.
risposta: mi \ fa -fa# -sol -sol# \ la.
È in questa maniera che bisogna fare su qualsiasi soggetto cromatico, con qualsiasi tono, andando in ascesa o in discesa.

Esempi di fughe cromatiche.

Tav.XXII    Fig.1. Le note di base di questo esempio in progressione diatonica sono:
soggetto: re \ la-ut-sib \ la.
Risposta: La \ re -sol -fa \ mi.

Fig. 2. Il cromatico è tra il fa#  e il fa naturale del soggetto.
Fig. 3. Esempio trasposto nota per nota.
Fig. 4. Come nell'esempio precedente, se non che le prime due note hanno subito un piccolo cambiamento.
Fig. 5. Soggetto trasposto nota per nota, la terza nota è ravvicinata.
Fig. 6. Un bizzarro esempio di armonia, però giusto.

Tab. XXIII. Fig. 1. Il cromatico è in tono maggiore. La modulazione richiede la permutazione degli intervalli, che è stata trovata qua.
Fig. 2. Le note di base di questo esempio in progressione diatonica, sono:
soggetto:     mi-re-ut \ si
risposta:    la-sol-fa \ mi       

Fig. 3. Esempio di un canto cromatico un po' nascosto.

Fig. 4- La risposta dovrebbe essere correttamente come segue:
la-si-ut-ut# -re re \ la.

Fig.5. Semplice esempio da intendere.

Fig. 6. Esempio di imitazione ravvicinata.

Fig.7. La settima da cui inizia il soggetto, nella risposta si muta  in Sesta.

Tab.XXIV. Fig.1, 2,3,4,5. Osservando bene gli esempi precedenti, uno li capirà facilmente, senza ulteriori spiegazioni.

Fig. 6.  Nel primo degli esempi che questa figura contiene, il soggetto è cromatico e la risposta segue diatonicamente. Nel secondo, è tutto il contrario. La risposta può ancora essere fatta qui come nell'ultimo esempio.

Fig. 7. La prima risposta riproduce meglio la modulazione la seconda per la melodia: questa qui sovrascrive l’altra.

Tab. XXV. Fig. 1, 1, 3, 4. 5. Tutte le risposte sono corrette.

Fig. 6, 7. La seconda risposta è quella giusta. -
Fig. 8. Le note di base della canzone sono: -
soggetto: mi-re \ ut-si.
Risposta: si-sol \ fa-mi
È un esempio che si rapporta al modo Frigio, secondo il modo di Mi minore, si può realizzare:
Si \ la#-la-sol#-sol \ fa#

Articolo III.
Contenenti tutti i tipi di Soggetti.

Tab. XXVI. Fig.1 e 2. Si osserverà che nel primo esempio, è il secondo del tono; e nel secondo, il tonico che risponde a quello dominante nella seconda misura. L'imitazione del soggetto è ristretta e canonica.

Fig.3. Fuga che termina con un brutto tempo. Solo, se uno vuole, può prendere la risposta per soggetto, e il soggetto per
rispondere.

Fig. 4 Non si rischierebbe nulla nel riprendere la fuga come segue:
La-sol# \ ut-si \ mi-re \ eccetera

Fig. 5. Secondo la regola, la risposta deve iniziare come in
fig. 6. È una licenza di gusto. Al posto di fa# re,
Per avere la risposta finita, dovremmo prendere mi - ut,
Facendo entrare sul Mi la terza voce: ma l'autore l'ha giudicato meno rigorosamente.

Fig.7. Entrambe le risposte sono corrette.

Fig.8 e 9. La prima risposta è migliore della seconda, perché il canto risulta meno alterato.
La regola secondo cui la tonica e la dominante devono rispondere, anche nel mezzo di un soggetto, è stato dato solo per evitare digressioni in un tono estraneo alla modalità.
Quando non c'è nulla da temere da quella parte, la regola può sempre subire un'eccezione.
Fig. 10, 11, 12, 13. Repliche che non possono essere fatte diversamente.
Fig. 14, 15-16. Se non si voleva rispondere alle note di  Sol-si con Ut-mi, avresti dovuto prendere Ut-fa#; ma non  sarebbe così naturale come l'altro modo.
Fig.17, 18,19. Queste sono fughe dove il soggetto può servire come risposta risposta, e viceversa.
tav.XXVI.png
Tab. XXVII.    
Fig. 1.     La risposta è nel tono del quarto, si riferisce al tono Misolydio in Sol. Secondo il nostro presente, deve essere nel tono della dominante, come vediamo in Fig. 2.

Fig. 3. Come nell'esempio precedente, per quanto riguarda il tono della risposta; che dovrebbe essere fatto correttamente come vediamo seguendo l'esempio.

Fig.4. L'imitazione stretta e canonica, per la quale le voci si susseguono l'un l'altro, chiedi questa risposta, che senza di essa è stato necessario fare come alla fig. 5.

Fig. 6. Questo esempio è uguale al precedente. La vera risposta, in ogni altro caso, si trova al seguito della prima.

Fig. 7. Il soggetto che termina in Quarta, la risposta termina con la tonica; è nella regola.

Fig.8, 9. Esempi di soggetti che possono servire come risposte e viceversa.

Fig. 10. È la seconda del tono, e non la tonica, che risponde alla dominante alla fine; che non importa quando la modulazione non si perde e che il canto ci guadagna.
tav.XXVII.png
Tab. XXVIII.
Fig. 1. La prima risposta, sebbene finisca contro la regola rispetto all'ultima nota, rimane comunque buona, perché la buona modulazione non è ferita. La seconda risposta è nella regola, ma il canto ne soffre.
Fig. 2. Buon esempio.
Fig. 3. 4- La prima risposta riguarda il Sol Maggiore di oggi, la seconda alla modalità Misolydio; bene entrambi.
Fig. 5. 6. La prima risposta termina con il secondo di dominante; la seconda risposta finisce pure nella dominante.
Fig.7. L'entrata del soggetto dalla terza voce ci fa perdere l'ultima nota della risposta, cosa che può pure essere praticata.
Fig. 8. Entrambe le risposte sono ugualmente buone.
Fig. 9. Il soggetto termina con la sesta del tono, la risposta per quella della dominante.
Fig. 10. Soggetto che può pure servire come risposta e viceversa.
Fig. 11. Il soggetto termina con la nota sensibile del tono e la risposta con quella della dominante.
Fig. 12. Oggetto che ammette due risposte.
tav.XXVIII.png